Categorie
Testimonianze

Il papà ci raccontava…

Testimonianza di Celeste Oricco

Come Bruno Murialdo, provo nostalgia per quella semplice voglia di divertirsi insieme, nonostante la ” malora”Luigina e Teresina del Pavaglione (classe 1923 e 1927) raccontano…In inverno, la domenica e le feste comandate, dopo il vespro, al Pavaglione arrivavano i Magnot, suonatori di fisarmonica e accendevano gli animi di noi giovani. Passavano di casa in casa, nelle cascine sparse a chiamare le ragazze per andare a ballare nel grande salone della cascina dei Corino, dove oggi c’è il centro Fenoglio. A nostro padre dicevano “Ehi Felicin, staseira anduma a balene due. Eben? losi ‘mni se matote?” Il papà ci raccomandava “ Feve mac nen parlé a près” e dava il suo consenso. La prima a salire di corsa le scale per andare in camera da letto, sfidando la paura del buio, era Olga, la sorella più piccola, di soli dieci anni. Si metteva il vestito più bello, calzava le nostre scarpe con i tacchi, due numeri in sovrappiù, e giù a nascondersi dietro la porta, così che quando noi stavamo uscendo, lei sgattaiolava ed era già fuori prima di noi. Nel salone poi si appiccicava al nostro vestito dicendo “Balla con me! Balla con me!” e non c’era verso: il giovane che ci invitava a ballare doveva rassegnarsi ad attaccare la prima aria con lei. Valzer e mazurche si alternavano fino allo scoccare della mezzanotte, con l’eccezione della notte di San Silvestro, quando si ballava una curenta lunga il doppio per finire l’anno vecchio e iniziare quello nuovo in bellezza. Una vera delizia era procedere a saltelli con la sincupò : Rosamunda, Rosamunda, che magnifica serata, sembra quasi preparata da una fata delicata. Mille cuori, mille voci, mille bocche strafelici, sono tutte in allegria, oh che felicità! In questo modo Virginia e Vincenzo avevano vinto una gara di ballo e in premio si erano portati a casa la bandiera che Vincenzo teneva sempre in camera da letto. Ma i veri animatori dei balli e dei canti erano i fratelli che venivano da Fairo. A turno, si mettevano al centro del salone, tra le coppie danzanti, per fare il ballo con la scopa. Oppure il ballo della sedia. Era una ragazza che si sedeva al centro e poteva rifiutare l’invito di un pretendente girandogli le spalle, finchè non arrivava il giovane di suo gradimento. Nelle serate più popolate, addirittura si distribuivano fiocchi verdi e rossi per fare i turni a ballare. Una di quelle sere erano partiti i giovani dai Fiù , una borgata di Trezzo Tinella, per venire al Pavaglione. Era caduta molta pioggia e loro erano arrivati bagnati fradici. Sono andati a farsi imprestare i vestiti dai nostri vicini per poter venire a ballare. Quando c’erano i coscritti, allora si facevano anche tre giorni di festa. Il giorno della visita di leva, Carlin li portava a Cortemilia su un camioncino, suonando la fisarmonica e sventolando bandiere tricolore. Al ritorno si invitavano le coscritte a pranzo nel grande salone addobbato con piante, fiori, lampadine, poi si cantava e ballava. Quando nostro fratello era coscritto, il primo aprile, sono andati sul bric ad aspettare il cucu d’avrì, cantando perdutamente Maria Giuana, Picchia picchia la porticella, Rosamunda e tante altre, fino a sera. Al ritorno, di notte, tutti a piedi nei sentieri, anche con la neve, attraverso il rian, sotto il chiarore della luna. Parlando e scherzando la strada era lunga un fiato! Nostro padre diceva sempre “Il ballo è lo sviluppo della gioventù”, sfidando il pulpito delle “quaranta ore”, tuonante contro i giovani che partecipavano a un simile divertimento.

La fotografia è di Bartolomeo Costamagna

Categorie
Testimonianze

Albina Aimasso

Ieri ho ricordato le mamme in linea materna, oggi voglio ricordare la mia nonna paterna, Lina di Barac. E’ stata davvero una grande mamma. Io la ricordo anziana, piccola e invecchiata precocemente come tutte le donne che hanno vissuto le privazioni della “malora” Nata nel 1885, vedova di guerra, da giovane la descrivevano come una grande lavoratrice, severa con i figli che neanche da adulti quando parlava, osavano ribattere. Ha abitato sempre con la mia famiglia e da anziana era molto dolce ed infaticabile. In casa era di grande aiuto. Ogni mese andava a piedi a Castino a ritirare la pensione di guerra, a turno portava me o le mie sorelle, per noi era una festa accompagnarla. La strada era molto lunga e disagevole e ogni tanto facevamo una sosta. Per lei non si tratteneva nulla, unica eccezione comperava un cartoccetto di mentine che conservava in un barattolo di vetro nel suo armadio. Ogni tanto ce ne dava una, noi bambini sapevamo dove le teneva, mai ci siamo permessi di toccarle. Conservo questo ricordo, avrò avuto 6, 7 anni e mia mamma mi aveva portato ad una gita. Sul pullman di ritorno mi sono semiaddormentata. Sentivo però la conversazione di mia mamma con una cugina, sono rimasta stupita dalle Lodi che tesseva alla suocera. Mia mamma si è sempre rivolta a lei con il voi e allora i sentimenti non si palesavano !

Testimonianza di Albina Aimasso

Categorie
Citazioni

Mi brucia l’anima…

Categorie
Citazioni

E poi…

All-focus
Categorie
Citazioni

Felicità è…

Categorie
Citazioni

L’amicizia…

Categorie
Citazioni

Ogni momento…

Categorie
Citazioni

Prenditi per mano…

Categorie
Citazioni

Se ti sta stretto…

All-focus
Categorie
Paesi

Pensando a Leopardi…

Nel mese di luglio scorso, ho fatto tappa a Recanati.

Il paese di Giacomo Leopardi; avevo avuto modo di sentir descrivere questa cittadina, ma la visita sul posto, mi ha lasciata sorpresa ed emozionata. Ripercorrere, strade, piazze, e sopra ogni cosa ammirare il Colle dell’infinito, con un chiassoso garrire di rondini in volo, nel cielo azzurro, mi lasciò incredulità e stupore per tanta meraviglia.

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.